I migliori ristoranti di alta cucina fuori Roma

+1Share on Twitter

Appena fuori Roma esiste tutto un mondo fatto di graziosi ristorantini, alta cucina e tanto relax. Allora perché non scappare per un giorno dal caos cittadino? Ecco una rassegna di alcuni fra i migliori ristoranti di alta cucina fuori Roma.

enoteca-dell'orologio_latina_14Enoteca Dell’Orologio

Il ristorante Enoteca dell’Orologio a Latina, è un tempio del buon bere dove la cucina ha dovuto evolversi fino a raggiungere altissimi livelli per poter sostenere il confronto con le altisonanti etichette. E possiamo dire che i risultati sono davvero eccellenti. Le cappesante avvolte nella pancetta con insalata di melone, pinoli e peperoncino sono un viaggio psichedelico nel mondo del gusto; i crostacei sfumati al cognac alla mela su foie gras e gocce di frutto della passione regalano un caleiodoscopio di accostamenti improbabili solo sula carta e il semifreddo al gorgonzola con salsa al lime e sedano celebra il trionfo del salato nel regno del dolce. Insomma, pura poesia enogastronomica!

il-funghetto_latina_27Il Funghetto

Fermiamoci ancora a Latina per una visita al ristorante Il Funghetto, un luogo incantato dove estro e semplicità s’incontrano per dare vita a un menù che è la celebrazione della tradizione dell’Agro Pontino, con un occhio di riguardo per l’eccellenza enologica. Da provare i superspaghettoni con frutti di mare, calamaretti, crostacei e pomodorini.

il-focarile_aprilia_14Il Focarile

Ci spostiamo ad Aprilia per una visita obbligata al ristorante Il Focarile, un autentico esempio di raffinatezza. Il parco suggestivo e le sale di gusto classico lasciano senza fiato e le proposte della cucina, che spaziano dal menù giornaliero fino alla “degustazione della tradizione” e al “piccolo menù”, e quelle della cantina, che pare non conosca confini ricca com’è di etichette nazionali e internazionali, avvolgono i sensi in un abbraccio di sapori tradizionalmente inediti e profumi suadenti.

Nanè – Ares

A Pontinia segnaliamo invece il ristorante Nanè, all’interno dell’Hotel Ares. Le sale interne quanto il lussureggiante giardino incarnano il più alto concetto di eleganza dal sapore contemporaneo e la cucina non fa che confermare la naturale predisposizione dei titolari per il Bello (e il Buono). Il timballo di fettuccine allo scorfano e guanciale con verdurine dell’orto non è una segnalazione, è una citazione colta.

la-baia-di-fregene_fiumicino_46La Baia di Fregene

Sempre sul litorale, fuori Roma, incontriamo il ristorante La Baia di Fregene, dove il menù predilige ovviamente il pescato fresco, proveniente per lo più dai pescherecci di Fiumicino, Terracina e Gallipoli. Notevole inoltre la carta dei vini con le sue 280 etichette italiane ed estere.

il-granchio_terracina_68Il Granchio

Non poteva mancare da questo elenco il ristorante Il Granchio, gioiello a Terracina che regala i sapori del mare che conquistano i palati dei suoi estasiati ospiti. Complice la qualità delle materie prime che qui è strettamente connessa con la stagionalità e il rispetto del territorio. Se la sorte ve lo concede, non privatevi del merluzzo cotto in barattolo o la passatina di pannocchie in salsa di pomodoro con bocconcino di sarago e polpettine di broccoletti.

Beh… che dire, qualche spunto per una giornata all’insegna del relax e dei piaceri della buona tavola ve l’abbiamo dato, ora sta a voi coccolarvi un po’.

Buon Cibando!

Tags: , ,

Cerchi un ristorante? Scarica la nostra App Gratuita per iOS ed Android! Inoltre puoi seguirci su Facebook, Twitter oppure sottoscriverti al Feed RSS

Paola Groppo

Un po’ food blogger, un po’ scrittrice, tutta gourmand. Tra le mille passioni, aspirazioni e tentativi di ritagliarmi una nicchia in questo caotico mondo un'unica costante mi ha sempre accompagnato fin da piccina: l'amore per il cibo, quello mangiato più che preparato con le mie mani. Tutto è iniziato da bambina quando ammiravo rapita il mio papà pasticcere all'opera, o forse ancora prima, quando la mia mamma, con me in grembo, serviva i clienti della pasticceria. Di certo, non c'è ricordo, anche atavico, che non sia legato al cibo, e quindi saranno stati i sommi dei della tavola a condurmi come una famelica Ulisse nel più goloso dei porti: Cibando.